Panasonic Lumix DC-GH5 la prima Fotocamera con Video a 4K 10Bit 4:2:2

Per la nuova Panasonic GH5le novità sull’ammiraglia sono molte, a partire dal sensore Micro Quattro Terzi LiveMOS che ora è accreditato di 20,3 megapixel di risoluzione ed è montato su un sistema di stabilizzazione a 5 assi, in grado di operare in collaborazione con quelli integrati nelle ottiche, dando vita al sistema di doppia stabilizzazione Dual I.S.2. 

L’aumento di risoluzione e il sistema di stabilizzazione nel corpo vengono incontro in modo diretto alle richieste dei clienti del marchio e cercano di colmare il gap che si era venuto a formare in modo netto con alcune delle soluzioni della concorrenza. L’aumento di risoluzione è pari al +25% e la rimozione del filtro anti-aliasing dovrebbe aumentare ulteriormente il potere risolvente del sistema.

Panasonic LUMIX GH5 Product Overview

Nuovo anche il processore: grazie al nuovo Venus Engine e al sensore con migliorata velocità di lettura Panasonic GH5 riuscirà a scattare foto con una raffica a 12 fotogrammi al secondo e a registrare video 4K a 50/60p, oltre a video 4K a 30p con campionamento colore 4:2:2 e registrazione interna a 10-bit. Il tempo per acquisire e processare una foto da parte dell’accoppiata sensore+processore è stato quasi dimezzato, a tutto vantaggio anche della profondità di raffica, visto che gli scatti in sequenza vanno meno a pesare sul buffer: ora si può arrivare a 100 foto in formato RAW, mentre prima ci si doveva fermare a 40. Panasonic ha lavorato anche sulla velocità dell’autofocus e la nuova versione della tecnologia DFD (Depth from Defocus) ora lavora con maggiore risoluzione e senza ritardo, aumentando le capacità di raffica con autofocus attivo e raggiungendo il valore di 9 fotogrammi al secondo con AF attivo. In particolare anche la messa a fuoco a inseguimento del soggetto dovrebbe fare un netto passo avanti sulla nuova Lumix GH5 grazie al rinnovato autofocus. La sensibilità ISO si estende tra 200 e 25.600 ISO.

Per quanto riguarda il comparto video alcune delle novità più interessanti verrrano abilitate sulla Panasonic GH5 solo in estate con il rilascio di un corposo aggiornamento firmware. A quella data sarà possibile registrare filmai 4K 4096×2160 24p 4:2:2 10bit con compressione ALL-Intra a ben 400Mbps e spingersi a 60p/50p 4:2:0 8bit o 30p/25p 4:2:2 10bit in formato UHD 3840×2160 con compressione IPB e bitrate a 150Mbps. Sarà possibile registrare in 4:2:2 sulle schede interne e avere anche un output allo stesso tipo di campionamento in altro formato, ad esempio Apple ProRes. Con l’apposita lente sarà poi possibile registrare video 4K in formato anamorfico, registrando con aspect ratio 1:1.33 e ottenendo in post produzione il formato cinescope 1:2.39. Fin da subito sarà possibile registrare video Full HD 1080p con frame rate fino a 180fps. Gli aggiornamenti citati saranno gratuiti, mentre per chi fosse interessato ci sarà anche la possibilità di effettuare un aggiornamento a pagamento per abilitare la registrazione in V-Log/V-LogL.

Ecco il riassunto delle specifiche:

  • Nuovo sensore CMOS (4/3 tipo) 20 Megapixel
  • Attacco lente MFT
  • Stabilizzazione a 5 assi in camera 
  • tropicalizzata
  • 6K Foto a 30p per 18 megapixel foto (solo foto NON video)
  • 4K/60p (8bit o 10bit 4 2:0)
  • 4K a 24, 25 e 30p a 10bit 4:2:2 in camera
  • Full HD 1080p con frame rate fino a 180fps
  • 8MP / 60fps Photo Burst – dal flusso a 4K/60p
  • slot per schede SD 2 x
  • 225 punti di messa a fuoco

Formati di registrazione della Panasonic GH5

  • DCI 4K a 23.98P in 10-bit 4:2:2 interno a 400 Mbps usando la registrazione ALL-Intra. Si può anche catturare video  in DCI 4K 48.00P a 150Mbps a 8-bit 4:2:0.
  • UHD 4K a 10 bit 4:2:2 registrazione interna a 24, 25 e 30 fps. Disponibile con il nuovo firmware,  registrazioni fino a 400 Mbps usando la registrazione ALL-Intra. Può essere registrato internamente allo stesso tempo come uscita tramite HDMI in 10-bit.
  • 4K 50/60fps registrazione interna a 4:2:0 a 8 bit a 150Mbps in IPB utilizzando la registrazione H.265.
  • 4K 50/60fps registrazione esterna in 4:2:2 a 10 bit (senza registrazione interna).
  • registrazione in Full HD sul GH5 è fino a 180fps internamente, dal 96fps sul GH4. Bitrate per questo non sono stati dati. Al regolari 59.94p / 29.97p / 23.98p framerate è possibile registrare internamente in 4: 2: 2 a 10 bit a 200 Mbps.
  • Modalità 6K Foto – fondamentalmente 6K video nel formato 4: 3, ma senza registrazione audio.
  • 4K Anamorfico 4:3 riprese con 3328 × 2496 pixel. Questo offre le stesse 10-bit 4:2:2 400 Mbps registrazione ALL-Intra a 24P, 25P e 30P e 8-bit 4: 2: 0 150 Mbps IPB registrazione a 50P e 59.94P.
  • anamorfico 4.6K: modalità 3, la modalità che sono personalmente più entusiasta perché finalmente ci sarà una telecamera costo inferiore in grado di essere utilizzato per le riprese anamorfico a risoluzioni più alte. Il formato di registrazione, la profondità di bit e il bitrate devono essere ancora essere confermati da Panasonic.

Non tutte queste opzioni di registrazione saranno disponibili al momento del lancio. Firmware verrà aggiornato in vari punti nel 2017 per consentire modalità di registrazione

La nuova Panasonic GH5 è disponibile per l’ordine Garanzia 4 Anni Fowa sul sito BL2Store con 

Da Apple i nuovi iMac e iMac Pro con scheda video Radeon Pro 500 e Radeon Pro Vega

Apple ha finalmente rinnovato la gamma di all-in-one iMac e annunciato l’arrivo dell’iMac Pro che sarà disponibile a dicembre. All’interno di queste soluzioni ritroviamo processori grafici AMD Radeon, nel primo caso la serie Radeon Pro 500, mentre nel secondo avremo una GPU basate sulla nuova architettura Vega.

La serie Radeon Pro 500 si compone di cinque modelli basati su architettura Polaris. Il top di gamma prende il nome di Radeon Pro 580, supporta la realtà virtuale e mette a disposizione 2304 stream processor (come la RX 580) per una potenza di picco di 5,5 TFlops. AMD indica un bandwidth di memoria di 217 GB/s.

Appena sotto c’è la Radeon Pro 575, con 2048 unità stream processor (come la RX 570) per una potenza di picco di 4,5 TFlops. Anche in questo caso AMD assicura un bandwidth di memoria di 217 GB/s.

Il modello Radeon Pro 570 ha invece una GPU con 1792 stream processor attivi, una configurazione che non ritroviamo nella gamma desktop RX 500, ma che comunque AMD adotta sulla scheda professionale Radeon Pro WX 5100. Il core grafico offre 3,6 TFlops di potenza, mentre il bandwidth di memoria rimane a 217 GB/s.

La Radeon Pro 560 può usufruire invece di 1024 stream processor (come la RX 560), per una potenza di picco di 1,9 TFlops. In questo caso il bandwidth di memoria indicato da AMD scende a 81 GB/s. Infine ecco la Radeon Pro 555 con 768 stream processor (1,3 TFlops) e un bandwidth di 81 GB/s.

Per quanto concerne l’iMac Pro, AMD parla di Radeon Pro Vega. Apple afferma che gli utenti potranno scegliere tra due soluzioni: la prima è indicata come “Processore grafico Radeon Pro Vega 56 con 8GB di memoria HBM2”, mentre la seconda come “Processore grafico Radeon Pro Vega 64 con 16GB di memoria HBM2”.

AMD Vega Die Shot
Tralasciando la memoria e la sua quantità, i numeri 56 e 64 dovrebbero fare riferimento al numero di Compute Unit attive sulla GPU. Se un CU, come parrebbe da indiscrezioni precedenti, dovesse contare su 64 stream processor, avremmo rispettivamente due GPU con 4096 e 3584 SP totali. Questi dati ricordano quelli visti con i prodotti della serie Radeon R9 Fury, basata su GPU Fiji.

Nuovi iMac
L’iMac aggiornato offre processori Kaby Lake, fino a 4,2 GHz (con velocità Turbo Boost fino a 4,5 GHz) e supporta fino al doppio della memoria rispetto alla generazione precedente. FusionDrive è ora di serie su tutte le configurazioni da 27″ e sul modello di punta da 21,5″. Le opzioni di archiviazione SSD sono ora fino al 50% più veloci e l’all-in-one è dotato della tecnologia Thunderbolt 3.

Sul versante grafica, su tutti i modelli di iMac, è presente la nuova Radeon Pro serie 500 con fino a 8GB di vRAM. Apple spiega che il modello da 21,5″ raggiunge prestazioni fino a tre volte superiori, mentre il modello da 27″ è fino al 50% più veloce.

Sul versante display, Apple dice che è il migliore mai visto su un Mac e che è più luminoso del 43% con 500 nit, con supporto per 1 miliardo di colori. La nuova gamma iMac è già disponibile su Apple Store online a partire da 1.349 euro.

Nuovi MacBook, MacBook Pro e MacBook Air
MacBook 12″ ha ora processori Kaby Lake Core i7 più veloci, fino a 1,3 GHz, con velocità Turbo Boost fino a 3,6 GHz, e SSD fino al 50% più scattanti; supporta inoltre il doppio della memoria. Pesa 907 grammi e 13.1 mm di spessore. Il MacBook 12″ aggiornato parte da 1.549 euro su Apple Store online.

Il modello aggiornato di MacBook Pro 13″ include processori Kaby Lake Core i7 fino a 3,5 GHz,con velocità Turbo Boost fino a 4,0 GHz, mentre MacBook Pro 15″ ha processori Core i7 fino a 3,1 GHz, con velocità Turbo Boost fino a 4,1 GHz. MacBook Pro 15″ ha ora di serie grafica discreta di nuova generazione e ancora più memoria video, mentre MacBook Pro 13″ ha una nuova configurazione da 1.549 euro. Apple ha inoltre aggiornato MacBook Air 13″ con un processore a 1,8 GHz ora a partire da 1.129 euro MacBook Pro 15″ ha ora di serie grafica discreta più potente e ancora più memoria video.
Disponibilità
I modelli aggiornati di iMac, MacBook 12″, MacBook Pro e MacBook Air possono essere ordinati già ora sul sito BL2Store

M-Audio i nuovi monitor da studio attivi BX D3 Series

monitor serie BX di M-Audio sono i diffusori da studio più venduti ininterrottamente da oltre 10 anni, e sono diventati uno standard negli home studio recording di tutto il mondo. Ogni upgrade presentato nel tempo è stato un ulteriore passo in avanti, e la nuova serie D3 ne è la conferma. Con incredibili nuove caratteristiche i monitor BX D3 Series confermano ancora una volta la volontà di M-Audio di offrire prodotti all’avanguardia, ad un prezzo assolutamente imbattibile. Ascoltali e fidati! Con una combinazione di nuovi premium driver, bi-amplificazione in classe A/B con elevato headroom, un nuovo sistema di correzione acustica, versatili opzioni di connettività e un’accurata progettazione, i nuovi monitor da studio M-Audio BX5 D3 e BX8 D3 sono in grado di replicare ogni impercettibile sfumatura e trasformarla in dettagli realistici per far suonare al meglio le tue registrazioni e i tuoi missaggi!



Caratteristiche della M-Audio BX5 D3

 

• Monitor audio Bi-amplificati da 100W
• Woofer in kevlar da 5” schermato con bobina mobile ad alta temperatura e anello di sospensione in gomma
• Schermato magneticamente
• Tweeter in seta da 1” con nuova tecnologia a guida d’onda ottimizzata, per una riproduzione delle alte frequenze affidabile, precisa e prima di risonanze, nonché un campo sonoro ampio e stabile
• Sistema di correzione acustica (Acoustic Space Control) in grado di offrire una risposta in frequenza e un’immagine stereo ottimale in qualsiasi ambiente, dalla camera da letto allo studio di registrazione professionale
• Pot posteriore ottimizzato per una riproduzione estesa delle basse frequenze
• Ingresso XLR bilanciato e Jack da 1/4” bilanciato/sbilanciato perfetti per il collegamento di interfacce audio, mixer, sintetizzatori, DJ gear e altro ancora
• Controllo del volume
• Risposta in frequenza: 52 Hz – 22 kHz
• Frequenza di crossover: 2.5 kHz
• Potenza di amplificazione per i bassi: 60W
• Potenza di amplificazione per gli alti: 40 W
• Cabinet ad elevata efficienza acustica in MDF laminato e finitura vinilica
• Dimensioni: mm 176 x 197 x 254
• Peso: 5.6 kg (unitario).

 

Prezzo di vendita consigliato Euro 119 (inclusa IVA) cadauno monitor.

 

Caratteristiche della M-Audio BX8 D3

• Monitor audio Bi-amplificati da 150W
• Woofer in kevlar da 8” schermato con bobina mobile ad alta temperatura e anello di sospensione in gomma
• Schermato magneticamente
• Tweeter in seta da 1.25” con nuova tecnologia a guida d’onda ottimizzata, per una riproduzione delle alte frequenze affidabile, precisa e prima di risonanze, nonché un campo sonoro ampio e stabile
• Sistema di correzione acustica (Acoustic Space Control) in grado di offrire una risposta in frequenza e un’immagine stereo ottimale in qualsiasi ambiente, dalla camera da letto allo studio di registrazione professionale
• Pot posteriore ottimizzato per una riproduzione estesa delle basse frequenze
• Ingresso XLR bilanciato e Jack da 1/4” bilanciato/sbilanciato
perfetti per il collegamento di interfacce audio, mixer, sintetizzatori, DJ gear e altro ancora
• Controllo del volume
• Risposta in frequenza: 37 Hz – 22 kHz
• Frequenza di crossover: 2.0 kHz
• Potenza di amplificazione per i bassi: 80W
• Potenza di amplificazione per gli alti: 70W
• Cabinet ad elevata efficienza acustica in MDF laminato e finitura vinilica
• Dimensioni: mm 250 x 302 x 384
• Peso: 10.5 kg (unitario).

 

Prezzo di vendita consigliato Euro 149 (inclusa IVA) cadauno monitor.

 

Maggiori informazioni e per l’acquisto dei prodotti M-Audio visita il sito BL2Store

Da Nikon la sua nuova full frame D850 con video a 4K e timelapse a 8K

Dopo le numerose anticipazioni e indiscrezioni, Nikon ha annunciato ufficialmente la reflex D850, una fotocamera fullframe totalmente rivoluzionata rispetto al modello precedente che, come sempre accede in questi casi, disturba non poco anche l’ammiraglia D5 dalla quale eredita il sistema autofocus, uno degli elementi che su macchine di questo livello è davvero in grado di spostare l’ago della bilancia.

La D850 utilizza un sensore full frame tutto nuovo, e per la prima volta Nikon si fa realizzare da Sony un CMOS back-side illuminated (BSI) da ben 45.7 megapixel privo di filtro passa basso per evitare perdite di definizione. Un sensore che, oltre alla risoluzione capace secondo Nikon di competere con una medio formato, è dotato di una gamma dinamica eccelsa, 64-25600 iso (espandibili a 32-102400) e di un livello di rumore decisamente basso.

Una risoluzione così elevata non sempre serve, ecco perché si potranno scattare foto anche in RAW su tre diverse dimensioni (45.4 Large, 25.6MP e 11.4MP Small) con possibilità di svilupparle in macchina singolarmente o in blocco.

Se solitamente con sensori di elevata risoluzione si perde velocità nel caso della Nikon D850 non è affatto così: grazie al processore Expeed 5 si arriva a 7 fps con otturatore a tendina e se si usa un battery grip a 9 frame al secondi, con 51 foto raw a 14 bit lossless continue o 170 scatti in modalità raw 12 bit lossless.

Sul retro è presente un display LCD da 3,2″ ribaltabile. Lo schermo ha una risoluzione pari a 2,36 milioni di punti ed è dotato di touch screen. Nuovo anche il mirino oculare: per Nikon è il più ampio e luminoso mai adottato su una reflex. La reflex dispone anche di un otturatore elettronico che può scattare in modalità Live View in totale silenzio: in questo caso se si scatta a 8 megapixel si possono registrare 30 fotogrammi al secondo altrimenti a piena risoluzione il limite è di sei.

Non mancano funzioni di ripresa video evoluta, con video 4K e uscita HDMI non compressa, video slow motion 1080p fino a 120 fps e possibilità di creare timelapse 8K direttamente in macchina. Come abbiamo accennato poco più sopra il sistema AF è quello della D5: 153 punti di messa a fuoco con 99 punti cross type 15 dei quali sensibili fino a f/8.

Tra le altre caratteristiche da segnalare ovviamente il corpo in lega di magnesio protetto dalle intemperie, il doppio slot per le card, XQD e SD, alcuni sistemi di scatto avanzati tra i quali il focus stacking e la connettività wireless bluetooth e wi-fi.

Specifiche fotografiche 

  • Sensore CMOS da 45,7 megapixel retroilluminato (alta risoluzione)
  • Nessun filtro anti-aliasing
  • Scatta 7 fotogrammi al secondo (9 fotogrammi con presa a batteria opzionale)
  • Modalità di ripresa silenziosa
  • Sistema AF a 153 punti da Nikon D5
  • Wi-Fi incorporato e Bluetooth

Specifiche video 

  • La prima fotocamera di Nikon per offrire video a 4K completo a tutto schermo
  • Registra video a 4K UHD fino a 30 fps
  • Fino a 120 fps in Full HD
  • Funzione Timelapse 8K (memorizza le immagini 8K in una sequenza video)Fo

Da Akitio Thunder3 Quad X con l’aspetto di Mac Pro in miniatura

Il nuovo Akitio Thunder3 Quad X ha l’aspetto di Mac Pro in miniatura, in realtà è l’enclosure per dischi da 3.5‘’ e 2.5‘’ di Akitio compatibile con Mac. Grazie a Thunderbolt 3 offre velocità impressionanti per gestire flussi audio, video e dati.

Akitio Thunder3 Quad X è un nuovo enclosure per Mac appositamente progettato per chi lavora con i video in alta risoluzione: è infatti in grado di trasferire file fino a 1.375 MB al secondo contemporaneamente allo streaming di un flusso video 4K su due monitor.

E’ costruito appositamente per i nuovi MacBook Pro 2016/2017 con Thunerbolt 3 e ai quali si accosta bene anche visivamente. Sembra infatti un Mac Pro in miniatura, con uno chassis che ricorda esteticamente il modello antecedente il Mac Pro di forma cilindrica fine 2013.

Questo enclosure è dotato di quattro slot per dischi rigidi o unità a stato solido (SSD) da 3.5‘’ o 2.5‘’ ed è compatibile con macOS Sierra. «Può lavorare senza intoppi con grandi quantità di dati, compresi i file video in 4K o 8K non compressi» ha dichiarato Richard Wright, vicepresidente della società «Akitio Thunder3 Quad X è estremamente versatile e permette agli utenti di trasferire, salvare, proteggere e memorizzare i propri contenuti liberando prezioso spazio sui computer».

Offre due porte Thunderbolt 3 e una uscita video DisplayPort per connettersi agli ultimi schermi 4K a 60Hz, supporta inoltre la tecnologia Power Delivery (PD) fino a 27W. La seconda porta Thunderbolt 3 permette anche di collegare dispositivi USB Type-C (10 Gb/s) come dischi rigidi esterni e monitor DisplayPort.

Akitio Thunder3 Quad X sarà disponibile per l’acquisto su BL2Store